assumere la valeriana in gocce

Come utilizzare la valeriana in gocce

Cos’è la valeriana?

Non tutti lo sanno, ma assumere valeriana in gocce è l’ideale per chi vuole contrastare lo stress e i problemi d’insonnia. La valeriana in gocce che normalmente assumiamo, è un prodotto creato grazie all’estratto della valeriana officinalis, una pianta facente parte delle Valerianaceae. Si tratta di una specie perenne diffusa in tutto il mondo; sebbene le sue foglie abbiano un odore non molto piacevole, questa pianta contiene dei principi attivi e delle proprietà utili per la cura di alcuni disturbi. Già nell’antichità questa pianta veniva usata come sedativo.

A cosa serve la valeriana?

Prima di assumere la valeriana in gocce bisogna sapere come usarla. Non è una medicina, dunque non serve la prescrizione medica, è un prodotto che si può utilizzare autonomamente ma per farlo bisogna sapere a cosa serve e ovviamente non bisogna mai abusarne. Principalmente la valeriana serve a curare i disturbi del sonno, ma viene usata anche contro lo stress oppure come sedativo nei casi di epilessia, di disturbi dell’attenzione e di iperattività. In realtà, solo nel caso dei disturbi del sonno la valeriana ha dei riscontri scientifici. Di certo chi soffre di stress e di stanchezza può trarre benefici dall’utilizzo, anche sporadico, della valeriana in gocce.

I vantaggi della valeriana in gocce

valeriana gocceRispetto agli altri prodotti a base di valeriana che si possono trovare in farmacia o in erboristeria, come capsule, infusi o pastiglie, la valeriana in gocce presenta numerosi vantaggi: innanzitutto è comoda perché la si può portare e la si può assumere ovunque; poi consente di dosare il liquido e di assumerne solo la quantità necessaria. Solitamente le gocce vanno mischiate con dell’acqua in un bicchiere ma volendo possono essere assunte anche da sole. La valeriana in gocce garantisce un riposo più tranquillo e un minor tempo necessario per addormentarsi. Secondo alcuni, grazie al suo effetto rilassante, la valeriana sarebbe utile anche per combattere l’ansia, quando si tratta di episodi non gravi e isolati, casi per i quali non sarebbe dunque indicato l’uso di prodotti farmaceutici. Spesso, anzi, molte persone iniziano un trattamento con la valeriana in gocce proprio per cercare di interrompere l’utilizzo di farmaci sedativi pesanti a livello gastrointestinale.

Come assumere la valeriana in gocce

La valeriana in gocce va assunta almeno mezzora prima di andare a dormire. Molto dipende dal tipo e dalla gravità del disturbo di insonnia che si riscontra. L’importante è assumerla dopo mangiato e al massimo due ore prima di coricarsi. Solitamente si consiglia di assumere la valeriana in gocce per un massimo di trenta giorni consecutivi: se si ottengono risultati positivi, si può interrompere l’assunzione per poter constatare la risoluzione del disturbo del sonno. Se l’insonna è sporadica, invece, la valeriana si può assumere anche solo come rimedio instantaneo se una notte capita di non riuscire a dormire. Se si usa quella in gocce, si ha il vantaggio di assumere magari solo poche gocce per un caso di insonnia sporadico. Per la posologia specifica della valeriana in gocce bisogna sempre seguire le indicazioni scritte nel bugiardino del prodotto, in quanto ogni marca di valeriana può avere una concentrazione diversa degli estratti della pianta e, dunque, una dose di somministrazione consigliata differente. Acquistando la valeriana in gocce in farmacia e in erboristeria si può stare tranquilli circa la regolarità del prodotto: le aziende infatti vengono periodicamente controllate, visto che comunque la valeriana viene considerata come un parafarmaco.